Cieli Notturni

Foto di OrioneIl silenzioso cielo stellato... per l'aspetto poetico, quello scientifico o tutti e due, il cielo notturno ha affascinato l'umanità fin dall'alba dei tempi.

Ho sempre pensato che lo scambio di esperienze fosse importante per gli astrofili: in queste pagine vorrei dare il mio piccolo contributo con le mie esperienze osservative. E vorrei anche scrivere della bellezza e l'incanto dei cieli stellati.

Ad occhio nudo

Per osservare il cielo non è per forza necessario dotarsi di costosi strumenti. In alcuni casi non c'è bisogno di nulla: basta "l'occhio nudo". Può essere uno spettacolo rilassante, in silenzio, fra le stelle, lontano dalla quotidianità. L'occhio umano non ha grande potere risolutivo, né raccoglie molta luce, ma un vantaggio ce l'ha: inquadra una vastissima porzione di cielo tutta in una volta: l'ideale per gustarsi una bella pioggia di meteore.

Col binocolo

I binocoli sono generalmente poco adatti per l'osservazione planetaria, ma, rispetto ad un telescopio, la visione stereoscopica è più immersiva (e piacevole) e consente di scorgere oggetti di minore luminosità. A me piace molto. I binocoli giganti sono molto usati dai cacciatori di comete. Purtroppo un binocolo grandino come quelli, con obiettivi sui 100 mm (come un piccolo telescopio) costa parecchio e, rispetto ad un 10x50 (per esempio) offre certamente di più, ma perde la portatilità, la praticità e l'immediatezza.

Se vi interessano i binocoli, segnalo un buon libro di facile lettura: "L'astronomia col binocolo" di James Muirden (Longanesi).

Al telescopio

Pianeti, stelle, nebulose, galassie,... maggiore è il diametro del telescopio, più cose si vedono (maggiore luce raccolta e maggiore risoluzione).

Inquinamento luminoso

Per godersi lo spettacolo, bisogna allontanarsi dalle città (fortunato/a chi abita in collina o in montagna e lontano da luci moleste, magari addirittura può farsi una postazione fissa in giardino, invece di dover andare a cercare un posto lontano).

Non esagero: basti pensare che, ad occhio nudo, in città si vedono al massimo le stelle più luminose (poche) e si fatica a distinguere le costellazioni(!). In collina invece (soprattutto in quei luoghi in cui il cielo è limpido) il firmamento è uno spettacolo indimenticabile! Si vedono un'infinità di stelle, la lunga scia della Via Lattea, la Galassia di Andromeda (esatto, ad occhio nudo!)... E con un telescopio succede la stessa cosa: in città il vostro telescopio renderà come uno strumento molto più piccolo, a meno che non si osservino solo la Luna e i pianeti, che sono oggetti molto luminosi.

Le dimensioni non sono tutto

Si pensi anche al trasporto e al tempo di setup (montare, collimare, mettere in postazione).

L'astronomia è un hobby già difficile di per sè

Spesso bisogna fare le ore piccole, lontani decine di chilometri da casa, immobili al freddo e al gelo (stando fermi, bisogna vestirsi molto: due o tre maglioni sopra l'altro non sono una cosa insolita...) e non si è in poltrona: a volte bisogna stare in posizioni ben scomode (o pericolose, come sanno certi possessori di dobsoniani giganti, che richiedono una scaletta).

A queste difficoltà si aggiunga un telescopio grosso e pesante

Sebbene i telescopi di grande diametro siano quelli più utili ed efficaci nell'osservazione del cielo, sono anche i più ingombranti, pesanti e difficili da portare in giro (come ho già scritto sopra, spesso bisogna spostarsi). Con un tale colosso, bisogna ogni volta trafficare per farlo uscire dalla porta di casa senza farlo sbattere, decine di chili di materiale da sollevare e maneggiare con cautela, infilarlo nel bagagliaio (sempre con cura, assicurandosi che sia ben protetto dai sobbalzi della vettura) e, svariati chilometri dopo, tornare ad affaccendarsi per toglierlo dal bagagliaio, montarlo, metterlo in stazione, preparare gli accessori, aspettare che si ambienti... E al ritorno di nuovo da capo, a smontare, impacchettare, sollevate, ecc... Eh sì: a meno che non abbiate la fortuna di avere una postazione fissa, certi bestioni non sono per gente pigra. Bisogna saper valutare quanto si è disposti a far tutto questo, tutte le volte, a lungo termine! Anche se la passione fa superare mille fatiche e ostacoli, alla lunga tutto questo alla fine potrebbe stancare... e, come purtroppo accade con certi acquisti impulsivi, il telescopio finirà nel dimenticatoio. E' un discorso puramente personale: c'è chi arriva sul posto di osservazione col suo dobson gigante a traliccio, completamente smontato, quindi pazientemente lo assembla e lo ricollima (il tutto è una cosa ben più complicata, che montare i soliti telescopi); poi, finito di osservare, si arma di nuovo di cacciavite e chiave inglese... ma a queste persone va benone così; per altri invece potrebbe non esserlo affatto e potrebbero preferire qualcosa di più semplice e comodo.

Il telescopio migliore è quello che ti senti di usare più spesso

Alla fine è questo il punto: io ad esempio preferisco solitamente il piccolo ETX al 114, nonostante che quest'ultimo sia complessivamente un po' meglio e sia ancora facilmente trasportabile. Delle sere prendo uno sgabello, ci metto sopra l'ETX... fatto! Semplice no? E in macchina sta comodamente nel sedie accanto. Avrà anche i suoi difetti e i suoi limiti (comunque 9 cm di diametro cominciano ad essere interessanti come primo telecopio o come telescopio da viaggio), ma il telescopio portatile è indubbiamente comodo e lo si può portare a spasso a tracolla, anche in aereo, dove vi pare. Quindi non è da trascurare come opzione. Certo, se abitassi in una zona buia e limpida, una postazione fissa con telescopio gigante non mi dispiacerebbe mica... :D

I gruppi astrofili

L'astronomia non è per forza un hobby solitario: ci sono anche i gruppi astrofili, che, oltre a scambiarsi opinioni e confrontare i propri strumenti, possono costruire insieme un piccolo osservatorio astronomico fisso e rendersi la vita più facile. Naturalmente questo non significa che allora si può fare a meno dello strumento personale, però ogni tanto si potrà dare un'occhiata con un telescopio un po' più serio del solito, a seconda delle possibilità del gruppo.

La lunghezza focale

Molto in generale, i telescopi con diametro maggiore hanno anche una lunghezza focale maggiore, ma sul mercato ci sono obiettivi di ogni genere e rapporto focale. A parità di diametro, meglio una focale lunga (es. rapporto di focale f/10) o corta (es. f/4)? Dipende da tante cose e cosa volete fare. Proviamo a vedere i pro e i contro:

 procontro
L
U
N
G
A
  • Si possono usare oculari con focali maggiori (generalmente più comodi)
  • Nei telescopi a specchio (riflettori, generalmente più economici a parità di apertura) riduce la dimensione del secondario, quindi meno ostruzione, quindi immagini un po' più nitide
  • E' più difficile ottenere bassi ingrandimenti
  • Riflettori Newton e rifrattori avranno un tubo più lungo, quindi maggiore ingombro (e peso)
  • ... inoltre il telescopio vibrerà al vento maggiormente.
  • I tempi di posa nelle fotografie aumentano molto (invece non cambia praticamente nulla nell'osservazione visuale, dove la focale viene modificata tramite gli oculari)
C
O
R
T
A
  • Minore ingombro e peso (soprattutto per i rifrattori e gli schemi ottici Newton)
  • Le fotografie richiedono tempi minori (però si riduce anche l'ingrandimento)
  • Per ottenere forti ingrandimenti, bisogna aggiungere una lente di Barlow
  • Nei riflettori aumenta l'ostruzione (quindi minore nitidezza)
  • L'ottica ha una correzione generalmente inferiore e perdona meno i difetti degli oculari
  • La collimazione richiede un pochino di pazienza in più
Valid XHTML 1.0 Strict! Valid CSS!

Pagina generata in 0 secondi

Ultima modifica: 2009-03-16 - Visite: 20768

©2002..2009 Negadrive, all rights reserved.

Come si vede?

Il Sole Mercurio Venere La Luna Marte Giove Saturno Altri Pianeti Comete Stelle doppie Ammassi aperti Amm. globulari Nebulose Galassie

Impressioni d'uso

Newton 114 ETX 90 Binocolo 10x50 L'8-20x30 Oculari e Filtri

Astrolinks

Links e Risorse Osservatorio

Lo scambio di esperienze è importante per gli astrofili. Con questo sito ho cercato di dare il mio piccolo contributo.

Messaggi

Guestbook